Minestrone

Cosa impari: le verdure sono il fondamento di tutti i buoni piatti; la cottura lenta crea profondità di sapore; la corretta stagionatura è fondamentale per soddisfare le esigenze alimentari; e la migliore di tutte le varianti di minestrone è alla Genovese, finita con il pesto.

Tempo:
1-2 ore
Servi:
4 porzioni

Ingredienti

3 cucchiai di olio d’oliva
2 gambi di sedano, affettati
2 porri, affettati
2 carote, tritate
2 spicchi d’aglio, schiacciati
300 g di patate a dadini
1,5 litri di acqua bollente o brodo
sale marino e pepe
50 g di maccheroncini piccoli o pasta secca zuppa
400 g di pomodori in scatola tritati
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
400 g di fagioli borlotti in scatola, sciacquati
200 g di foglie di barbabietola d’argento, tritate grossolanamente
2 zucchine, tritate grossolanamente
2 cucchiai di pesto
2 cucchiai di parmigiano grattugiato

Metodo

1. Riscalda l’olio d’oliva in una grande pentola dal fondo pesante, aggiungi sedano, porri, carote e aglio. Cuocere a fuoco dolce per 10 minuti.

2. Aggiungere patate e acqua o brodo e portare ad ebollizione, scremando la superficie se necessario. Abbassa il fuoco, aggiungi sale e pepe e fai sobbollire, parzialmente coperto, per 20 minuti.

3. Cuocere la pasta in una pentola di acqua salata bollente fino al dente, quindi scolarla.

4. Aggiungi i pomodori, il concentrato di pomodoro, i fagioli e le foglie di barbabietola d’argento alla zuppa e fai sobbollire 10 minuti.

5. Aggiungere le zucchine e cuocere a fuoco lento per 10 minuti o fino a quando la zuppa è bella e densa (schiacciare alcuni fagioli per addensare ulteriormente). Aggiungi la pasta e scalda.

6. Servire in scodelle di pasta tiepide e coprire con un cucchiaio di pesto, parmigiano grattugiato e pepe extra.

Suggerimenti: Jamie Oliver suggerisce di utilizzare tutti quei sacchetti di pasta usati a metà sul retro dell’armadio.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *